LA PIETRA NATURALE IN EDILIZIA: “la pietra naturale ed ornamentale sarda”

La pietra naturale sarda

LA PIETRA NATURALE SARDA

Premessa

Le immagini contenute nell’articolo “la pietra naturale ed ornamentale sarda”, sono puramente indicative, in quanto le rocce in generale, essendo elementi naturali, sono soggetti a differire in maniera non sostanziale, per struttura, colore, macchia e vena, anche trattandosi della stessa tipologia di prodotto. Pertanto tali immagini servono a dare un’idea di massima delle varie tipologie e lavorazioni di pietra che il mercato offre.

GLOSSARIO DEI TERMINI

1) brecciato: struttura di roccia fratturata e risaldata sul posto

2) calcite: minerale tipico di origine sedimentaria

3) ciottoli: a differenza dei granulati, subiscono le trasformazioni meccaniche necessarie ad ottenere gli arrotondamenti voluti. In commercio li troviamo piatti, lucidi e naturali.

4) granulati: pietre naturali di forma irregolare e non lavorate

5) oficalce: roccia metamorfica, serpentinosa, brecciata e solitamente ricementata da calcite, appartenente al gruppo dei marmi.

6) serpentino: gruppo di minerali comuni nelle rocce metamorfiche

7) ortogneiss: è una tipologia di gneiss, cioè rocce derivanti dal metamorfismo di rocce magmatiche come i graniti e le rioliti

8) struttura scistosa: cioè presenta cristalli disposti su piani paralleli, allungati e orientati in una sola direzione, perpendicolare a quella lungo la quale ha agito la pressione. Fra le rocce a struttura scistosa troviamo le filladi, i micascisti e gli gneiss.

9) struttura granulare o saccaroide: dove i cristalli sono equidimensionali e non sono orientati. Fra le rocce a struttura saccaroide, troviamo il marmo e la quarzite. 

10) struttura occhiadina: con caratteristiche intermedie fra le due precedenti: possiede cristalli equo dimensionali e di dimensioni maggiori, frammisti a cristalli orientati e disposti in strati paralleli. Fra le rocce a struttura occhiadina, troviamo gli gneiss.

11) struttura clastica: caratterizzata da detriti di natura e dimensioni diverse, sciolti o cementati.

12) rocce clastiche o detritiche: derivano da sedimenti i cui elementi costituenti a loro volta, derivano principalmente dall’accumulo di frammenti litici di altre rocce, alterate e trasportati in genere da agenti esogeni.

13) stiloliti: gli stiloliti appaiono in affioramento e nei campioni come linee a zig zag, il cui andamento ricorda quello delle suture craniali di discontinuità il cui andamento è evidenziato dalla presenza di un velo di minerali residuali della dissoluzione, argillosi, ossidi di ferro e materia organica carboniosa.

14) struttura scistosa: Il termine scisto nella moderna petrografia indica una roccia metamorfica a grana medio-grossa caratterizzata da una tessitura scistosa abbastanza marcata, cioè tendente a sfaldarsi facilmente in lastre sottili.

15) marne: percentuali di carbonato di calcio, dal 35% al 65%, al di sotto di questi valori si hanno termini transizionali ai calcari.

16) vacuolarità: tipo di struttura (vaculare)

LA PIETRA NATURALE SARDA: ZONE DI COLTIVAZIONE E TIPOLOGIE

La Sardegna possiede una vasta gamma di rocce ornamentali, molte delle quali purtroppo non vengono più coltivate. Marmi, calcari, basalti, trachiti, porfidi e soprattutto graniti, costituiscono il patrimonio litologico sardo, formato per circa 2/3 da rocce silicee. Tuttavia, la produzione totale del comparto lapideo è consistente e raggiunge circa il 16 % di quella italiana arrivando al 50% come solo granito. Ad ogni modo, le principali concentrazioni estrattive di quest’ultima roccia ornamentale, sono localizzate nel Golfo di Orosei (provincia di Nuoro), nel bacino estrattivo del Goceano (provincia di Sassari), nota per la produzione di graniti grigi, ed infine nella Bassa ed Alta Gallura sempre in provincia di Sassari, dal quale si estraggono rispettivamente i graniti rosa e i ghiandoni. Oltre ai graniti vengono estratti altri tipi di rocce ignee sia intrusive che effusive quali: dioriti, lamprofiri, andesiti nere di Bosa, trachiti di Alghero.

Provincia di Sassari

1) Granito ghiandone: granito ghiandolare caratterizzato dalla presenza di grossi cristalli di ortoclasio rosa “ghiande” su un colore di fondo grigio. Ha grana grossolana e viene estratto a Tempio Pausania (SS).

2) Granito grigio nuraghe: granito grigio a grana media. Si estrae nella zona della Gallura (SS).

3) Granito grigio perlato: granito grigio con cristalli di ortoclasio di discrete dimensioni; si estrae nella provincia di Sassari.

4) Granito rosa limbara: granito ghiandolare caratterizzato dalla presenza di grossi cristalli di ortoclasio rosa su un colore di fondo grigio. Ha grana grossolana e viene estratto a Monte Limbara a sud est di Tempio Pausania (SS).

5) Granito rosa nule: granito a grana media, di colore rosa. Si coltiva a Tempio Pausania, S. Francesco e Nule (SS).

6) Granito rosa nuraghe: granito di colore grigio con tenui sfumature rosate. Ha grana media e si estrae a Nuraghe, Tempio Pausania (SS).

7) Granito rosa beta: granito di colore grigio con tenui sfumature rosate (cristalli di ortoclasio). Viene coltivato a Tempio Pausania (SS).

8) Diorite sarda: Diorite di colore grigio scuro. Probabilmente proviene da Tempio Pausania.

9) Lamprofiro: presenta colore grigio scuro ed ha struttura porfirica olocristallina. La zona estrattiva è Tempio Pausania.

10) Porfido rosso: in realtà si tratta di una riolite di colore rosa, con fenocristalli di quarzo e feldspato potassico.

Comprensorio sardo

Daino rosa: roccia calcarea di colore beige con zone più chiare ed altre tendenti al nocciola. Ha struttura bioclastica e si coltiva ad Orosei.

Verde tirreno: marmo di colore grigio con numerose venature parallele di colore grigio scuro; ha struttura cristallina saccaroide e si estrae a Sarule (NU).

Uri scuro: roccia calcarea di colore marrone con struttura clastica. Proviene da Uri (SS).

Biancone tirreno: roccia calcarea di colore avano e livelli più chiari, presenta clasti, bioclasti ed ooliti. Ha struttura clastica e si estrae ad Orosei

Blu Sardegna: roccia calcarea di colore grigio scuro, con chiazze nere e venature di calcite bianca. Ha struttura clastica.

Link consigliati pietra naturale e sinterizzata

Area sarda:

GRA. MAR PAVISTONE Graniti Bua Loriga Graniti

Generici: Granulati ZandobbioDektonLapitecThesizeNeolith FURRER Carrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.