LA PIETRA NATURALE IN EDILIZIA: “la pietra naturale ed ornamentale campana”

La pietra naturale campana

LA PIETRA NATURALE CAMPANA

Premessa

Le immagini contenute nell’articolo “la pietra naturale ed ornamentale campana”, sono puramente indicative, in quanto le rocce in generale, essendo elementi naturali, sono soggetti a differire in maniera non sostanziale, per struttura, colore, macchia e vena, anche trattandosi della stessa tipologia di prodotto. Pertanto tali immagini servono a dare un’idea di massima delle varie tipologie e lavorazioni di pietra che il mercato offre.

GLOSSARIO DEI TERMINI

1) brecciato: struttura di roccia fratturata e risaldata sul posto

2) calcite: minerale tipico di origine sedimentaria

3) ciottoli: a differenza dei granulati, subiscono le trasformazioni meccaniche necessarie ad ottenere gli arrotondamenti voluti. In commercio li troviamo piatti, lucidi e naturali.

4) granulati: pietre naturali di forma irregolare e non lavorate

5) oficalce: roccia metamorfica, serpentinosa, brecciata e solitamente ricementata da calcite, appartenente al gruppo dei marmi.

6) serpentino: gruppo di minerali comuni nelle rocce metamorfiche

7) ortogneiss: è una tipologia di gneiss, cioè rocce derivanti dal metamorfismo di rocce magmatiche come i graniti e le rioliti

8) struttura scistosa: cioè presenta cristalli disposti su piani paralleli, allungati e orientati in una sola direzione, perpendicolare a quella lungo la quale ha agito la pressione. Fra le rocce a struttura scistosa troviamo le filladi, i micascisti e gli gneiss.

9) struttura granulare o saccaroide: dove i cristalli sono equidimensionali e non sono orientati. Fra le rocce a struttura saccaroide, troviamo il marmo e la quarzite. 

10) struttura occhiadina: con caratteristiche intermedie fra le due precedenti: possiede cristalli equo dimensionali e di dimensioni maggiori, frammisti a cristalli orientati e disposti in strati paralleli. Fra le rocce a struttura occhiadina, troviamo gli gneiss.

11) struttura clastica: caratterizzata da detriti di natura e dimensioni diverse, sciolti o cementati.

12) rocce clastiche o detritiche: derivano da sedimenti i cui elementi costituenti a loro volta, derivano principalmente dall’accumulo di frammenti litici di altre rocce, alterate e trasportati in genere da agenti esogeni.

13) stiloliti: gli stiloliti appaiono in affioramento e nei campioni come linee a zig zag, il cui andamento ricorda quello delle suture craniali di discontinuità il cui andamento è evidenziato dalla presenza di un velo di minerali residuali della dissoluzione, argillosi, ossidi di ferro e materia organica carboniosa.

14) struttura scistosa: Il termine scisto nella moderna petrografia indica una roccia metamorfica a grana medio-grossa caratterizzata da una tessitura scistosa abbastanza marcata, cioè tendente a sfaldarsi facilmente in lastre sottili.

15) marne: percentuali di carbonato di calcio, dal 35% al 65%, al di sotto di questi valori si hanno termini transizionali ai calcari.

16) vacuolarità: tipo di struttura (vaculare)

LA PIETRA NATURALE CAMPANA: ZONE DI COLTIVAZIONE E TIPOLOGIE

Pietra lavica napoletana: le lave del Vesuvio, sono diverse da quelle dell’Etna e delle isole Eolie, in quanto ricche di potassio e con una minore quantità di silice. Gli studiosi ritengono che il magma originario fosse costituito da silicati di magnesio e ferro e, nel tempo, si sia cristallizzato inglobando parte delle rocce calcaree su cui poggia il basamento del vulcano.

Breccia Irpina: roccia sedimentaria costituita da breccia di matrice carbonatica. Si presenta come un conglomerato ghiaioso di varia granulometria e cemento calcareo. Tuttavia è una pietra compatta, chiara e variegata, adatta al settore costruttivo e decorativo.

Pietra di Bellona: roccia sedimentaria organogena, coltivata a Capua nella provincia di Caserta. Viene impiegata nel settore edile, decorativo e artistico.

Marmo di Vitulano e Cautano: si tratta di calcari micritici e detritìci grigiastri, intercalati a banchi e strati di calcari brecciati, brecce policrome e calcari a lumachella. Hanno avuto una notevole diffusione, grazie anche alle loro numerose varietà. Ad ogni modo troviamo, il Grigio Perla, il Rosso Uria, la Lumachella Bianca, il Verde, il Brecciato Chiaro e il Brecciato Vivo.

Link consigliati pietra naturale e sinterizzata

Area campana:

ANDREONE MARBLES Fontanarosa Pietra BATTAGLIA MARMI LONGOBARDI STONE

Generici: Granulati ZandobbioDektonLapitecThesizeNeolith FURRER Carrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.