Le rocce

Le rocce

Le rocce sono masse minerali a composizione costante, ma eterogenea, costituite dall’aggregazione di minerali diversi, con proprietà differenti e differente composizione chimica.

In geologia, vengono classificate in tre grandi categorie:

1) le rocce sedimentarie:

sono le rocce generate per sedimentazione di detriti inorganici, organici e sali minerali, consolidati dalla successiva o contemporanea deposizione di una sostanza cementante come il carbonato di calcio. Si dividono in rocce di deposito chimico, organogene e clastiche. Fra queste troviamo le più comuni, quali l’arenaria, il calcare e la dolomia.

Link fonte immagini:

Wikipedia foto Logudro

2) le rocce metamorfiche:

sono rocce magmatiche o sedimentarie, derivanti da rocce preesistenti, che sono state portate in condizioni di pressione e temperatura diverse da quelle presenti al momento della loro formazione. In seguito a questi cambiamenti, la roccia subisce metamorfosi o trasformazioni chimiche e fisiche che ne alterano ad esempio la composizione mineralogica. Alcuni esempi sono l’alabastro e il marmo. Esse si formano soprattutto in zone più attive dal punto di vista geologico, proprio a causa delle forze endogene della terra.

Link fonte immagini:

Alabastro: Wikipedia foto Ra’ike – Marmo: Wikipedia foto Sànchez

Gneiss: Wikipedia foto Slim Sepp – Micascisto: Wikipedia foto Khruner

Scisto: Wikipedia – Fillade: Wikipedia foto Slim Sepp

3) le rocce ignee:

si formano attraverso il raffreddamento e la solidificazione del magma o della lava. Questo magma può essere derivato da fusioni parziali di rocce preesistenti nel mantello o nella crosta di un Pianeta. In genere, la fusione delle rocce è causata da uno o più di tre processi: un aumento della temperatura, una diminuzione della pressione o un cambiamento nella composizione. Fra queste troviamo il granito, la diorite ed il basalto.

Link fonte immagini:

Granito: Wikipedia foto Eurico Zimbres – Diorite: Wikipedia foto Slim Sepp

Basalto: Wikipedia foto Daniele .51

LE CAVE

L’estrazione di questi minerali avviene mediante l’attività di miniera o cava, quest’ultima può essere a cielo aperto, in sotterraneo o a fossa. Nonostante la cava a cielo aperto sia la più diffusa, non mancano esempi importanti di cave in sotterraneo come quella del marmo di Candoglia (duomo di Milano) e marmo di Carrara.

Link fonte immagini: Wikipedia

L’ ESTRAZIONE

Nelle cave di pietra ornamentale, quali marmi e graniti, si usano tecniche e tecnologie specifiche per permettere il distacco dalla parete, di grandi blocchi rocciosi il più possibile regolari e privi di danno. Queste tecniche tendono a staccare il blocco dalla parete mediante tagli netti eseguiti con macchinari che minimizzano i traumi indotti alla roccia. Tra questi macchinari abbiamo, il filo elicoidale (oramai superato) e la macchina a filo diamantato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.